default_mobilesplash
Michele Merla Michele Merla Michele Merla Michele Merla

Michele Merla

Michele Merla

Michele Merla

Michele Merla

Galleria Video

video-gallery

Discografia

La leccesedda

Vota questo articolo
(0 Voti)

Cianne chiantate qua' cunn'amore e po cianne allevate cu tanta sudore'
E nuja sime cresciute come megghie ce putute cu nu mucciche de pane
E che lu joche sempe alli mane.
Quanta cumpagne che teneve je che mo ci ne so jute pe su' munne ,
So jote pe su' munne a fatja' senno' qua' ciallangavene de fama,
Hanne lassate tutte li mamme lore ma ci sape che nenne' pe colpa lore,
Se po lu fanne nu mosse prugress nenn'avene l'onore dalla massa,
Lu crestiane che li da amerete je cudde ca patute come jsse,
pecche sape che je lu sacrefice quante ci luntane dalla casa.

Quanta vurria vede' na vota sola tutte li pajsane a sangiuanne,
ma qua post pe lore nen ci ne stanne e cust lu sapime tutte quant,
li post qua ci stanne pe li frustere e nauta parziona pe li santucchiare ,
e lu frustere quante po' ciattanta e ciattanta senza tante cumplimente,
e jaute tanta fa lu santucchire e ci 'mbara come fa lu furastiere,
ma vide chi adda rompe lu cule a nuja ventenne cazz cazz da dadaute,
ma se criste ci li sponta li cavezune tanne ta da vede'li paliatune,
li prime l'hann ave' li santucchiere e appresse a lore subbete li furastiere.

A quanta a sofferte tu ,qunta a suferte tu ,quanta a sofferte tu da do' meze,
pane e senza pane tu a stracciate.
A je cumpagne mje quisse nen sonne fesserie
Questa e la veritajo che ve dico, aje sckuppetta de sambuca
Tingh tingh tingh che bella catarra che tene ze' minghe

Eventi